Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo.

Il colore dei denti è personale, ognuno ha il proprio, e non è mai un bianco puro. Il colore naturale dei denti incorpora lievi sfumature sui toni del giallo e del grigio, talora del bruno o del rossiccio, più o meno accentuate, che aumentano d'intensità dal bordo libero al colletto gengivale di ogni singolo dente.


A differenza di quanto si possa pensare, il colore (tinta)di un elemento dentale non è generato dallo smalto ma bensì dalla dentina sottostante che con il passare dell'età tende ad ispessirsi per una continua e fisiologica apposizione nella camera pulpare del dente; questo processo genera inevitabilmente uno scurimento e una perdita di brillantezza degli elementi dentali. Anche lo smalto dentale con il tempo può cambiare colore assorbendo pigmenti coloranti da cibi e bevande (thè, caffè,verdure, bevande con coloranti, fumo).


Grazie agli enormi progressi fatti dall'odontoiatria cosmetica, ad oggi siamo in grado di recuperare, in parte o totalmente, il colore "bianco" e la luminosità persa; questo è possibile grazie alle tecniche di sbiancamento dentale affrontato con differenti criteri e tecniche scelte direttamente dal medico.

 

scala500

 

 Le tecniche di sbiancamento effettuate dal nostro studio sono due: 

  • sbiancamento alla poltrona
  • sbiancamento domiciliare

 

La prima tecnica sfrutta l'azione di agenti sbiancanti chimici ad alta concentrazione, potenziati o meno da specifiche lampade che ne favoriscono l'azione in profondità. Il prodotto sbiancante più diffuso è costituito da un gel a base di perossido di idrogeno al 35-38% c.a., che attivandosi libera ossigeno, ossigeno che penetra nella struttura dentale innescando reazioni di ossido riduzione, questo determina una ossidazione dei pignmenti coloranti e non eliminati fisicamente.


La tecnica di sbiancamento domiciliare sfrutta i soliti agenti sbiancati ed i soliti principi chimico-fisici e si differenzia dalla precedente solo per la concentrazione del prodotto utilizzato che non risulta più essere perossido di idrogeno al 35-38% bensì al 10-16% applicato attraverso mascherine che vengo portate dal paziente solitamente nelle ore notturne per un periodo di tempo limitato che va dai 10-30 gg.


La presenza di carie, tartaro o gengiviti, parodontiti impone una preventiva risoluzione del problema. L'intervento, inoltre, è sconsigliato ai ragazzi di età inferiore ai 14 anni e alle donne in gravidanza o in periodo di allattamento.

Orario di apertura
     
LUN   09.30 - 13.00
  15.00 - 19.30
   
MAR   09.30 - 19.30
     
MER   09.30 - 13.00
  15.00 - 19.30
   
GIO   09.30 - 13.00
  15.00 - 19.30
     
VEN   09.30 - 19.30
   
SAB   09.30 - 13.00